Allenamento forze speciali

Controllo del respiro, resistenza allo sforzo ma eseguendo i movimenti con lentezza, costanza e regolarità nell’allenamento.

Questo metodo di training delle forze speciali è ben spiegato in un post pubblicato sulla pagina Facebook di “Armi manutenzione & uso”:

Leggi il post del 19 febbraio 2019

TUTTI VOGLIONO ESSERE DELLE FORZE SPECIALI MA CI VUOLE L’ALLENAMENTO

vediamo un po’…..

Militari: persone speciali, preparati a svolgere i compiti più complessi. Tecnologia avanzata e armi moderne sono un punto di forza principale, ma non il solo mezzo attraverso il quale si ottiene la vittoria e il raggiungimento dello scopo. La salute fisica e la resistenza sono le qualità principali delle moderne forze armate russe, senza le quali è impossibile servire ed eseguire serie missioni di combattimento. L’allenamento di resistenza è forse il tipo di allenamento più difficile praticato nell’esercito russo, ma ogni tipo di allenamento di resistenza ha le sue caratteristiche, oltre alle caratteristiche comuni.

Retaggio.

La scuola di addestramento sovietica produceva superuomini robusti. A quel tempo, erano stati stabiliti requisiti abbastanza severi per il servizio nell’esercito e nelle forze speciali. Il risultato non ha fatto aspettare a lungo: i soldati sovietici, i paracadutisti e le forze speciali sono state rese celebri per questo. Secondo le storie degli istruttori, che stanno formando nuovi super uomini da ordinari ragazzi, correre è la base di ogni allenamento fisico.

“Non puoi avere una cintura nera nel karate, ma devi correre velocemente e per molto tempo”, ha detto Viktor Ivannikov, un istruttore sull’allenamento fisico e proprietario del berretto marrone, in un’intervista al canale televisivo Zvezda. Secondo Ivannikov, addestrare la respirazione e la resistenza generale è meglio farlo correndo. Ogni giorno

“Questo vale sia per le unità militari che per le forze speciali. È difficile, è difficile, ma se alleni il tuo corpo giorno dopo giorno, in un paio di mesi hai la certezza di andare a un ritmo e continuare a migliorare il corpo, e con esso lo spirito “, hanno detto le forze speciali.

Anche “Krapovy Beret” ha condiviso un fatto curioso: allena ancora i suoi combattenti (una delle unità delle truppe interne) secondo il vecchio sistema sovietico. Non perché i nuovi sistemi non sono efficaci, ma perché il vecchio sistema funziona. Doveva solo migliorare un po’. In particolare, secondo le forze speciali, per i soldati, che aiuta ad aumentare la resistenza generale del corpo durante la corsa. Tale condizione fisica è raggiunta, secondo Viktor Ivannikov, è molto semplice:

“Durante la corsa, prova a fare un piccolo passo. Con un passo corto, i muscoli pelvici non saranno così carichi. La lentezza è anche uno dei fattori chiave per un buon allenamento di lunga durata e resistenza. Cerca di non strapparti dal posto, ma di fare affidamento sulla forza, dosandoli per l’intera lunghezza del percorso “, dice il professionista.

Inoltre, secondo il “krapovy berretto”, anche le scarpe giocano un ruolo importante: “Ogni volta che comincio ad allenare i miei cadetti in kirzac, uso pesanti stivali militari, che non indossiamo più. Avendo corso per circa due settimane, i soldati da una condizione normale iniziano a correre ad un livello di un atleta dilettante. Allenamento e attività quotidiane. Ecco un semplice segreto di resistenza del passato. Puoi, per cambiare, dopo due o tre settimane di allenamento, caricarti di “panca” in palestra. Inizia con carichi del peso di cinque chilogrammi, e aumenta fino a un peso di 30 chilogrammi – questo è quanto pesa l’equipaggiamento di un soldato delle forze speciali “, consiglia Ivannikov.

Respiro

Particolarmente importante, come riconosciuto dalle forze speciali che agiscono, e dagli istruttori, nell’allenamento per la resistenza è il respirando.

“Senza una buona respirazione, nessuno potrà resistere”, ha detto l’istruttore Konstantin Zvonarev a Zvezda.

Secondo lo specialista, gli esercizi di respirazione nelle unità delle forze speciali del ministero della Difesa, i servizi federali, sono costantemente Usate. Zvonarev, dice, che le truppe sono quasi costantemente portate nelle zone montuose con marce forzate giornaliere.

” C’è un’unità, non dirò quale. Che il segreto del suo successo è un buon allenamento fisico dei combattenti di questa unità, che si allenano costantemente, percorrendo distanze già con attrezzature nelle condizioni della cosiddetta aria “pesante” e rarefatta. La montagna è il miglior allenatore. L’istruttore, che corre insieme allo squadrone, controlla costantemente il respiro dei combattenti, costantemente dicendo come farlo nel modo giusto ” dice l’esperto.

Per raggiungere una perfetta comprensione del proprio corpo, secondo gli istruttori, è possibile imparare molti modi, tuttavia, è possibile padroneggiare la parte respiratoria come segue: correre con un carico di 10-12 kg e respirare solo attraverso il naso. Due brevi respiri e due brevi esalazioni. Tale schema, secondo le confessioni degli istruttori e del personale che agisce, fornisce una quantità ideale di aria nei polmoni e si adatta al processo di corsa, fornendo simultaneamente una respirazione continua e la quasi completa assenza di mancanza di respiro.

Allenamento delle forze speciali GRU

Sovraccarico per superuomini, secondo le confessioni degli stessi esploratori, questo è normale.

“La cosa principale è che funzioni. Il fatto che sia difficile, non lo ricordiamo. La formazione è avvincente e non si può vivere senza carichi “, dice uno dei combattenti russi.
forze speciali militari.

La resistenza è probabilmente la qualità più importante per uno scout. Questa è una garanzia di sopravvivenza. L’allenamento di resistenza più comune inizia nelle forze speciali GRU, qualcosa del genere: percorrere una distanza di 10 chilometri, e qualche volta per tutti i 40 e anche 45. Il tempo standard per superare una distanza di 10 km in piena esposizione (circa 40 kg) è appena meno di un’ora. Nelle marce imposte di più giorni se un giorno non riesci a fare tutti i chilometri previsti, il giorno dopo, i chilometri, si aggiungono alla distanza successiva.

“La resistenza fisica complessiva di un combattente medio può aumentare all’incirca due volte dopo un corso di formazione”, afferma l’ufficiale delle forze speciali istruttore Oleg Burovoy. “Tuttavia, qui si deve notare che per le forze speciali tali carichi sono un fenomeno costante. Da qui il segreto della resistenza. Quando alleni il corpo ogni giorno, tali carichi diventano normali. Parafrasando il detto noto, possiamo dire che la ripetizione è la madre della preparazione “.

È nel GRU, le forze speciali più addestrate del paese. Si allenano costante con carichi, combattimenti corpo a corpo e attenzione generale all’allenamento fisico: questo è il complesso di questi programmi che fanno sì che cadetti diventino esploratori esperti. Tale addestramento, secondo gli istruttori della scuola aerotrasportata di Ryazan, promuove la “rabbia da combattimento”, che spesso aiuta i militari a superare determinate difficoltà associate all’esecuzione della missione di combattimento.

L’ordine di esecuzione dell’allenamento dei cadetti RVDKU è il seguente: 10 km di corsa, 5 minuti di riposo. Quindi push-up sulle dita – 20 volte, salto (affondo) – 10 ripetizioni. Gli esercizi sono fatti con alternanza, due approcci, dopo i quali il cadetto deve praticare, fino a quando non sarai a corto di energia.

Ma il segreto principale della resistenza dei combattenti, come assicurano tutti gli esperti, senza eccezione, non è la gravità dello sforzo fisico, ma la loro regolarità. Questo è più facile per i militari – hanno un programma giornaliero. è difficile per un civile addestrarsi al livello di un membro delle forze speciali. Ma tu puoi, la cosa principale è costringersi a lasciare la casa.

tratto da “Armi manutenzione & uso” del 19 febbraio 2019

FacebooktwitterpinterestlinkedintumblrFacebooktwitterpinterestlinkedintumblr
google_plusgoogle_plus

Leave a Comment

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.